منتدى الشنطي
اهلا بكم زوارنا الكرام راجيا ان تجدوا المنفعة والفائده
لا داعي للتسجيل تابع جميع المواضيع بحرية وبساطة
هذا منتدى خاص ثقافي علمي اجتماعي صحي ديني تربوي

منتدى الشنطي

ابراهيم محمد نمر يوسف الشنطي
 
الرئيسيةالرئيسية  البوابةالبوابة  بحـثبحـث  الأحداث  المنشورات  اليوميةاليومية  التسجيلالتسجيل  دخول  

شاطر | 
 

 ايات قرانيه بالفرنسيه مترجمه

اذهب الى الأسفل 
كاتب الموضوعرسالة
ابراهيم الشنطي
Admin
avatar

عدد المساهمات : 47413
تاريخ التسجيل : 28/01/2013
العمر : 71
الموقع : الاردن

مُساهمةموضوع: ايات قرانيه بالفرنسيه مترجمه   السبت 29 يوليو 2017, 10:56 pm

ايات قرانيه بالفرنسيه مترجمه




(رَبَّنَا آتِنَا فِي الدُّنْيَا حَسَنَةً وَفِي الآخِرَةِ حَسَنَةً وَقِنَا عَذَابَ النَّارِ) [البقرة/201]

"Notre Seigneur ! Donnez-nous en ce monde ce qui est bon et dans ci-après ce qui est bon, et économiser nous du tourment du feu!" (2/201)


2- (رَبَّنَا أَفْرِغْ عَلَيْنَا صَبْرًا وَثَبِّتْ أَقْدَامَنَا وَانصُرْنَا عَلَى الْقَوْمِ الْكَافِرِينَ) [البقرة/250]
"Notre Seigneur ! Versez en avant sur nous la patience et rendez-nous victorieux au-dessus des personnes étant incroyantes." (2/250)

3- (رَبَّنَا لاَ تُؤَاخِذْنَا إِن نَّسِينَا أَوْ أَخْطَأْنَا رَبَّنَا وَلاَ تَحْمِلْ عَلَيْنَا إِصْرًا كَمَا حَمَلْتَهُ عَلَى الَّذِينَ مِن قَبْلِنَا رَبَّنَا وَلاَ تُحَمِّلْنَا مَا لاَ طَاقَةَ لَنَا بِهِ وَاعْفُ عَنَّا وَاغْفِرْ لَنَا وَارْحَمْنَا أَنتَ مَوْلاَنَا فَانصُرْنَا عَلَى الْقَوْمِ الْكَافِرِينَ) [البقرة/286]

"Notre Seigneur ! Mis pas sur nous un fardeau plus grand que nous avons la force à soutenir. Pardonnez-nous et accordez-nous la rémission. Ayez la pitié sur nous. Vous êtes notre Maula (patron, défenseur et protecteur, etc...) et donnez-nous l'excédent de victoire les personnes étant incroyantes." (2/286)

4- (رَبَّنَا لاَ تُزِغْ قُلُوبَنَا بَعْدَ إِذْ هَدَيْتَنَا وَهَبْ لَنَا مِن لَّدُنكَ رَحْمَةً إِنَّكَ أَنتَ الْوَهَّابُ) [آل عمران/8]

« Notre seigneur ! Laissé non nos coeurs dévient (de la vérité) après que vous nous ayez guidés, et nous accordent la pitié de toi. Vraiment, vous êtes le Bestower. » (3/Cool

5- (رَبَّنَا إِنَّنَا آمَنَّا فَاغْفِرْ لَنَا ذُنُوبَنَا وَقِنَا عَذَابَ النَّارِ) [آل عمران/16]

« Notre seigneur ! Nous avons en effet cru, ainsi nous pardonner nos péchés et nous sauver de la punition du feu. » (3/16)

6- (رَبِّ هَبْ لِي مِن لَّدُنْكَ ذُرِّيَّةً طَيِّبَةً إِنَّكَ سَمِيعُ الدُّعَاء) [آل عمران/38]

« O mon seigneur ! Grant je de toi, une bonne progéniture. Vous êtes en effet le Tout-Auditeur de l'invocation. » (3/38)

7- (رَبَّنَا آمَنَّا بِمَا أَنزَلَتْ وَاتَّبَعْنَا الرَّسُولَ فَاكْتُبْنَا مَعَ الشَّاهِدِينَِ) [آل عمران/53]

« Notre seigneur ! Nous croyons au ce que vous avez envoyé vers le bas, et nous suivons le message; nous écrire ainsi vers le bas parmi ceux qui témoignent. » (3/53)

8- (ربَّنَا اغْفِرْ لَنَا ذُنُوبَنَا وَإِسْرَافَنَا فِي أَمْرِنَا وَثَبِّتْ أَقْدَامَنَا وانصُرْنَا عَلَى الْقَوْمِ الْكَافِرِينَِ) [آل عمران/147]

« Notre seigneur ! Nous pardonner nos péchés et nos transgressions (en gardant nos fonctions à toi), établir nos pieds fermement, et nous donner l'excédent de victoire les gens étant incroyants. » (3/147)
الرجوع الى أعلى الصفحة اذهب الى الأسفل
https://shanti.jordanforum.net
ابراهيم الشنطي
Admin
avatar

عدد المساهمات : 47413
تاريخ التسجيل : 28/01/2013
العمر : 71
الموقع : الاردن

مُساهمةموضوع: رد: ايات قرانيه بالفرنسيه مترجمه   الإثنين 31 يوليو 2017, 11:00 pm

(الذي خلق الموت والحياة )Colui che ha creato la morte e la vita


[size=32]Colui che ha creato la morte e la vita per mettere alla prova chi di voi meglio .” (Corano LXVII. Al-Mulk, 2)

Col digiuno si imparano tante lezioni di vita
Il digiuno è una prova di grande umiltà a cui il servo si accinge con l’unico scopo di compiacere il suo Padrone. Avere lo stomaco vuoto aiuta ad osservare il mondo da un’altra prospettiva, a mettersi dall’altro lato, dal lato dei poveri e bisognosi, aiuta sicuramente a pensare…a pensare a tutto quello che si ha e che poteva non esserci destinato, e che non viene mai apprezzato né preso in giusta considerazione.
Il digiuno fa scattare automaticamente una voglia inarrestabile di avvicinamento al proprio Signore, ci si avvicina a Lui di giorno con il digiuno dal cibo, l’eliminazione dei peccati e con la rinuncia ad alcune gioie della vita normalmente permesse, resistere alle quali ci tempra, e ci si avvicina a Lui di notte dedicandosi alla preghiera e alla lettura del Corano.

Ramadan rappresenta il miglior mese per consacrarsi ad ogni forma di adorazione, pregando in orario, accumulando preghiere supererogatorie (volontarie), recitando il Corano, evitando peccati che fanno parte purtroppo delle nostre cattive abitudini quotidiane, migliorando il nostro carattere e compiendo ogni forma possibile di buona azione, ed in particolare donare la sadaqa, una forma di atto caritatevole nei confronti dei più bisognosi. Esso rappresenta un’occasione d’oro per smussare i lati peggiori del nostro carattere in quanto il fedele che digiuna è umile, modesto, egli mostra maggiore reverenza ed è prono a far del bene inshaa’Allah.
Quale essere umano è completamente salvo dallo spettro dell’egoismo, della cupidigia, dell’ipocrisia, chi non mostra debolezza nel commettere ripetutamente dei peccati, nell’andare in collera facilmente, nell’invidiare e criticare gli altri, nella mancata puntualità nella preghiera: ecco allora un’occasione d’oro per sforzarsi di fare il possibile per eliminare o quanto meno smussare questi lati oscuri della nostra personalità e cercare un’espiazione ai propri peccati. Se il nostro sforzo verrà compiuto sinceramente col cuore, a Ramadan concluso, si saranno automaticamente abbandonate tante cattive abitudini, rimpiazzate, a loro volta, da altrettante buone nuove abitudini inshaa’Allah.
Dopo che Allah ebbe prescritto ai servi di digiunare nel mese di Ramadân, il Messaggero di Allah (pace e benedizione su di lui) li incoraggiò a digiunare sei giorni nel mese successivo al Ramadan, quello di Shawâl. L’obiettivo è di beneficiare di una ricompensa maggiore e di offrirci l’opportunità di acquisire gli stessi meriti del digiuno di un anno intero.
Infatti Abu Ayyub al-Ansâri (radiAllahu anhu) riferì che il Profeta (pace e benedizione su di lui) disse:
“Chiunque digiuni il mese di Ramadân, cui faccia seguire sei giorni di digiuno durante il mese di Shawwâl, è come se avesse digiunato un anno intero”.
L’Altissimo dice in un hadith qudsî:
“Tutte le opere dei figli di Adamo gli appartengono, ognuna di essa vale dieci (ricompense), a parte il digiuno che Mi appartiene e di cui Mi riservo la ricompensa.”

Allora quante sono le ricompense del Ramadan?
L’individuo che digiuna sinceramente e per amore di Allah e come forma di obbedienza al suo Creatore, godrà più gioie derivanti dal suo sforzo: per primo la degustazione di cibo e bevande che lo sazieranno e lo disseteranno, e poi dulcis in fundo le ricompense che Allah gli ha serbato e che Solo Lui conosce! Quanto è invece in perdita colui che abbia speso le sue intere giornate del Ramadan fingendo di digiunare, oppure digiunando ma senza la giusta intenzione, non nutrendo un sincero amore per Allah e senza nemmeno offrire una buona azione, quest’ultimo non avrà accumulato nessuna ricompensa di cui poter gioire quando dovrà abbandonare questo mondo: che disgrazia per colui che abbia trascorso vanamente le sue giornate di Ramadan nel compiere ciò che piace al Demonio seguendo le cattive inclinazioni dell’anima!
Il Ramadan è il nostro maestro, il nostro personal trainer che ci insegna cosa ci avvicina a Dio e come possiamo fortificarci nella fede.
Tutto ciò che ci avvicina al nostro Creatore, in modo particolare la costanza negli atti di adorazione, nella lettura del Corano, nelle buone azioni, l’amore per il prossimo, dovrebbero diventare dei nostri punti di forza anche a Ramadan concluso. Mentre dovremmo allontanarci e repellere tutto quello che ci allonta dal Creatore, in modo particolare il seguire soltanto i desideri smodati, adoperare i sensi invece della ragione, pregare senza raccoglimento, l’egoismo, l’ipocrisia, la mediocrità, e le nefandezze nei confronti del prossimo. La costanza rappresenta una delle virtù islamiche maggiormente apprezzate. Compiere, infatti, una buona azione per quanto grande essa possa essere, ma una sola ed unica volta, meriterà di esserne ricompensati una sola volta, ma compierne diverse, costantemente, farà sì che il compiere buone azioni ed essere disponibili con i nostri fratelli e sorelle, diventi un’abitudine, facendo accumulare ricompensa su ricompensa al fedele che attuerà ciò col cuore e per amore di Allah (Che sia Glorificato). Più si compie il bene, più il cuore dell’uomo si purifica e maggiormente trasuda d’amore per Allah. Al contrario più ci si chiude nel nostro egoismo, oppure più si commettono atti empi, più il cuore si indurirà e si macchierà.
Il Ramadan insegna ad astenersi dai peccati, esso è un dovere che il musumano ha per tutta la vita non solo durante il Ramadan. Sarebbe una grande perdita spirituale se, a Ramadan concluso, ci precipitassimo nuovamente verso peccati che Egli ripugna. Bisogna apprendere in questo modo come diventare più forti ed osservanti.
Ultimo ma non in ordine di importanza, va sottolineato che Ramadan non significa soltanto astenzione da cibo e acqua dall’alba al tramonto.
Abu Hurairah (che Allah ne sia compiaciuto) affermò: “Il Profeta (pace e benedizioni su di lui) disse: “Se una persona non evita le menzogne e la condotta non sincera, Allah non ha bisogno che egli si astenga dal cibo e dal bere.” (Al-Bukhari). Questo hadith esorta coloro che osservano il digiuno ad osservare tutti i requisisti del digiuno, in altre parole il digiunante non dovrebbe comportarsi in modo tale che, pur osservando il digiuno da un lato, dall’altro non ha timore di Allah.
Tutti i nostri sensi hanno dei divieti durante il Ramadan, ognuno dei nostri sensi ha il divieto di astenersi da quello che è illecito, e di tutto si dovrà rendere conto un giorno:
“Non seguire ciò di cui non hai conoscenza alcuna. Di tutto sarà chiesto conto: dell‟udito, della vista e del cuore.” (Corano XVII. Al-Isrâ‟, 36)

“In quel Giorno, [cioè nel Giorno della Resurrezione] sigilleremo le loro bocche, parleranno invece le loro mani e le loro gambe daranno testimonianza di quello che avranno fatto.” (Corano XXXVI. Yâ-Sîn, 36)

“Il Giorno in cui i nemici di Allah saranno riuniti [e condotti] verso il Fuoco, saranno divisi [in gruppi].
Quando vi giungeranno, il loro udito, i loro occhi e le loro pelli renderanno testimonianza contro di loro, per quel che avranno fatto.
E diranno le loro pelli: ‘Perché avete testimoniato contro di noi?’. Risponderanno: ‘È stato Allah a farci parlare, [Egli è] Colui che fa parlare tutte le cose. Egli è Colui che ci ha creati la prima volta e a Lui sarete ricondotti.’ ” (Corano XLI. Fussilat, 19-21)

Abu Hurairah (che Allah ne sia compiaciuto) affermò: “Il Messaggero di Allah (pace e benedizione su di lui) disse: “Quando il fedele osserva il digiuno, non dovrebbe adoperare un linguaggio osceno né dovrebbe alzare la voce; e se qualcuno lo ingiuria e cerca di litigare con lui, egli dovrebbe dirgli: Sto digiunando”(Al-Bukhari e Muslim)

L’individuo è tenuto a preservare la propria lingua dal pronunciare volgarità o dal calunniare gli altri; egli è altresì tenuto a preservare il suo sesso o le sue mani dal commettere degli atti vietati, le ue orecchie dall’udire cose illecite prestando attenzione a ridicole discussioni, i suoi occhi dal guardare cose non permesse. I nostri sensi devono essere adoperati solo per cose lecite e dovranno essere preservati fino alla morte, se Dio vuole il fedele obbediente che dimorerà in Paradiso potrà godere di tutti i piaceri e i doni che Allah l’Altissimo gli ha preparato.

Che Allah accetti il nostro digiuno amin[/size]
الرجوع الى أعلى الصفحة اذهب الى الأسفل
https://shanti.jordanforum.net
ابراهيم الشنطي
Admin
avatar

عدد المساهمات : 47413
تاريخ التسجيل : 28/01/2013
العمر : 71
الموقع : الاردن

مُساهمةموضوع: رد: ايات قرانيه بالفرنسيه مترجمه   الإثنين 31 يوليو 2017, 11:01 pm

المحبة في الإسلام il volersi bene nell'islam



[size=48]IL VOLERSI BENE NELL’ISLAM[/size]
[size=48] [/size]
[size=48] (( المحبة في الإسلام ))[/size]


[size=32]E' stato raccontato da Al-Miqdaam bin Ma’di Karib che il Profeta Muhammad (pace e benedizioni su di lui) ha detto:" Se qualcuno di voi ama suo fratello, dovrebbe informarlo(Tirmidhi, Hadith Hasan Sahih). Anche Anas ibn Malik racconto' [/size]
[size=32] "Ero seduto con il Profeta (pace e benedizioni su di lui) quando un uomo venne passando di là e disse: ‘O Profeta di Allah, io amo davvero quest'uomo (in modo fraterno)’; dunque il Profeta (pace e benedizioni su di lui) gli chiese: ‘Glielo hai detto?’, e l'uomo rispose: ‘No’; dunque il Profeta (pace e benedizioni su di lui) gli ordino';;:" Alzati e vai a dirglielo"; dunque egli si alzo';; ed ando';; da lui e gli disse: ‘Sai, ti giuro su Allah, che per amore di Allah, ti voglio bene’; dunque egli gli rispose: ‘Possa sapere il motivo per il quale tu mi ami, amarti (in Allah, risposi).’ (Raccontato dall'Imam Ahmad e da Abu Dawud con un hadith sahih.)[/size]
[size=32] [/size]
[size=32] Dunque se ci viene detto "ana uhebbuka fe Allah, wa asaalu Allaha an yuwaffequka fe al dunya wa al akherah" (cioè ti voglio bene per .amore di Allah, e prego Allah ti darti successo in questa vita e nella vita dopo la morte) in risposta si dice: “ahabbak allah fih.[/size]


الرجوع الى أعلى الصفحة اذهب الى الأسفل
https://shanti.jordanforum.net
 
ايات قرانيه بالفرنسيه مترجمه
الرجوع الى أعلى الصفحة 
صفحة 1 من اصل 1

صلاحيات هذا المنتدى:لاتستطيع الرد على المواضيع في هذا المنتدى
منتدى الشنطي :: الدين والحياة :: القرآن الكريم-
انتقل الى: